Downburst, un’anno fa

14 ottobre 2016 ore 13.35 circa. Stato di allerta rossa. 
Un fronte temporalesco arrivato dal mare ha trovato le condizioni d’innesco di un fenomeno atmosferico devastante e sconosciuto alle nostre latitudini.

Non una tromba d’aria, ma una centrifuga di aria calda e fredda che scontrandosi converge verso il basso spingendo al suolo violente masse d’aria miste ad acqua.

Per la prima volta è stata fatta la triste conoscenza con il “downburst”.
In pochi minuti, la forza del vento ha divelto tetti, sdradicato vegetazione, distrutto infrastrutture e provocato danni ingenti su tutto il territorio.
I comuni più colpiti sono stati Recco, Avegno e Uscio.
Vogliamo ricordarlo così, con le immagini riprese dal drone di Ugo de Cresi, che ha sorvolato le zone maggiormente colpite sul nostro territorio poche ore dopo l’accaduto.

La zona di Avegno centro, tra gli edifici più colpiti la scuola in via delle Mimose.

 

La Chiesa di Santa Margherita a Testana

Tetti scoperchiati ad Avegno Soprano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *